CHINESIOLOGIA


La chinesiologia è lo studio del movimento umano (dal greco kìnesis = "movimento" e logos = "studio").


Il Chinesiologo è colui che applica le proprie conoscenze scientifiche di biomeccanica, fisiologia, medicina, teorie e tecniche didattiche del movimento e pedagogia del movimento per raggiungere gli obiettivi fisici che un utente si propone (es: postura, dimagrimento, perfomance sportiva, rieducazione funzionale, potenziamento muscolare, attività fisica adattata alle disfunzioni croniche e alle disabilità).

Dal gennaio 2013 la professione del Chinesiologo (in quanto professionista del movimento) è stata inserita nell’elenco delle professioni organizzate (Legge 04/2013).


Chinesiologo Professionista di cui alla Legge 04/2013 iscritto all’UNC Unione Nazionale Chinesiologi.


Gli ambiti di applicazione della chinesiologia sono diversi (da quello educativo nelle scuole a quello preventivo, da quello sportivo-ricreativo a quello rieducativo-funzionale). Per quanto riguarda nello specifico la mia attività, questa si inserisce nell'ambito della prevenzione dei fattori  di rischio, di rieducazione e mantenimento delle funzionalità motorie e non solo. Ciò significa che intervengo quando una persona conclude il suo iter di cura e riabilitazione sanitaria post evento acuto e presenta una condizione stabilizzata o con esiti cronici. A completamento e a tutela del percorso riabilitativo, in collaborazione con medici, fisioterapisti e altri specialisti di settore, è mio compito strutturare programmi di attività fisica individuali, personalizzati e adattati alla persona, che tengano conto delle disabilità, delle capacità residue e delle possibilità di recupero. 

Ad ogni modo il mio intervento si basa su tre cardini fondamentali:

  • mantenere stabili le condizioni non ulteriormente migliorabili evitandone il degrado;
  • prevenire i fattori di rischio o l'insorgenza di nuove problematiche;
  • migliorare le funzionalità e potenziare le capacità attive attraverso l'esercizio.


Lezione Magistrale IUSM "Foro Italico"  Roma
- Prof. Alessandro Di Giovanni