GINNASTICA ANTALGICA

La ginnastica antalgica rappresenta una disciplina cosi detta dolce che viene eseguita con movimenti ponderati ed armonici, principalmente finalizzati ad alleviare, prevenire e contenere dolori di origini muscolare ed articolare, causati soprattutto dall’avanzamento dell’età come l’artrosi lombare, cervicale ed articolare, le lombargie, l’osteoporosi e le artrite e quant’altro. Questa disciplina fa parte della ginnastica correttiva ed è adatta sia a donne che uomini adulti che necessitano anche di migliorare il rapporto con il loro corpo, ed in particolare a coloro che, per diverse motivazioni, non svolgono da tempo attività fisica ma che per motivi di salute hanno necessità di seguire un’attività ginnica completa che però, allo stesso tempo, non vada a gravare sul loro apparato scheletrico.Tuttavia può essere praticata ad ogni età, in quanto migliora i movimenti ed insegna a capire e conoscere il proprio corpo, inoltre può essere utilizzata anche in campo fisioterapico e riabilitativo. E’ in grado di prevenire numerosi dolori a carico dell’apparato sia scheletrico che muscolare causati da vita sedentaria, posizioni viziate, rigidità dei muscoli , movimenti scorretti ed improvvisi, sforzi bruschi e traumi causati da incidenti stradali o da infortuni sul lavoro.


Pertanto, la ginnastica antalgica è consigliabile a tutti coloro che soffrono di cervicale, artrosi, mal di schiena, problemi dorsali e lombari, alle anche, alle spalle e al bacino. E’ adeguata anche per coloro che desiderano migliorare sia il tono muscolare che l’efficienza fisica e al contempo conservare la massa ossea. Senza dimenticare che questa ginnastica è un ottimo rimedio per scaricare la tensione nervosa, gli stati di stress, di ansia e per mantenere costante il proprio peso forma.
Questa disciplina si mostra molto efficace, ad ogni età, per ottenere il riequilibrio posturale. Le posture scorrete generano patologie a carico della colonna vertebrale oltre che dei muscoli, con questo tipo di esercizio fisico si riesce ad insegnare al corpo ad assumere e mantenere la giusta postura. Questa ginnastica è appropriata sia ai bambini che agli adolescenti che sono afflitti da alcune patologie come la lordosi, la cifolordosi, la scoliosi, la cifosi, le scapole alate, la rigidità delle spalle, il ginocchio valgo, l’indebolimento dei muscoli addominali, l’ ipertrofia muscolare e quant’altro.


Questa disciplina coinvolge tutto il corpo, seguendola con costanza si ottiene un notevole beneficio e benessere sull’ organismo.Per raggiungere questo obiettivo, utilizza una serie di esercizi stretching dei muscoli della schiena e degli arti sia inferiori che superiori, di rilassamento, di respirazione, di potenziamento sia dei muscoli addominali che dorso-lombari, di correzione della postura, di massaggio e di automassaggio ricorrendo all’uso di asciugamani, palline, esercizi di gruppo e giochi di vario tipo. Eseguendo esercizi di ginnastica antalgica si stimola sia la flessibilità del corpo che dello spirito, grazie al fatto che il corpo, la mente e l’ energia si associano tra loro. Tale sinergia facilita la capacità individuale di ascoltare e percepire le necessità interiori del proprio organismo allo scopo di renderci consapevoli di come poter sconfiggere il dolore che lo affligge.

Gli esercizi devono essere eseguiti in modo lento e con una discreta concentrazione. Prima di effettuare ogni movimento è importante prepararsi fisicamente e mentalmente. La concentrazione ha una elevata importanza, infatti, grazie ad essa si ha la possibilità di interpretare da un lato, ogni messaggio inviato dal corpo e dall’altro, di capire da dove effettivamente proviene il dolore. Questi messaggi andranno trasmessi all’istruttore professionista che li utilizzerà per trovare la migliore soluzione da adottare per eliminare ogni fastidio. Per coloro che sono fuori allenamento, gli esercizi andranno eseguiti in modo graduale, iniziando con tre o quattro ripetizioni per ognuno di essi per raggiungere,nell’arco di poco tempo, un numero maggiore. La ginnastica antalgica richiede anche una corretta respirazione, si tratterà di lavorare su di essa per imparare ad inspirare ed espirare con molta lentezza con l’intento di poter dare ossigeno a tutto il corpo e nello stesso tempo obbligare i muscoli, presenti sulla colonna vertebrale, a mettersi in movimento.