SCOLIOSI

SI PARLA SPESSO DI SCOLIOSI IN ETÀ EVOLUTIVA, MA REALMENTE COS'È?

La scoliosi è una deviazione laterale e rotatoria del rachide, colpisce soprattutto bambini esili e magri, soprattutto di sesso femminile (80%). Può essere statica, congenita o idiopatica (circa il 90%).

QUALI SONO LE CAUSE?

Le cause possono essere ossee (conformazioni o rigidità delle curve), muscolari (ipo o ipertono), posturali (piede piatto...), ma secondo alcuni autori non si può escludere la possibilità che derivi da un alterazione a livello neurologico, ormonale, di mal occlusione, di blocco di una vertebra in flessione laterale o dell’apparato vestibolare. Io aggiungerei anche la causa psicologica, l'atteggiamento posturale che si assume di fronte a varie situazioni familiari e sociali. Poi miopia, predominanza di un occhio addirittura capelli lunghi portati da un solo lato possono influire negativamente. Altri studi hanno dimostrato in pazienti che sviluppano la scoliosi la presenza di una muscolatura ipotonica, rilassata o di una crescita ossea sproporzionata rispetto all’aumento di tono muscolare (ipotesi di una componente muscolo-legamentosa).

Una paralisi da un lato del corpo o un’insufficienza muscolare rilevante di muscoli addominali e dorso-lombari causano poi l’inclinazione e rotazione del rachide da un lato.

Non c'e' eziologia nella genetica, ma nella mia esperienza è facile trovare fratelli con lo stesso (se pur un po’ diverso) problema.

UNA SCHIENA "STORTA" È SEMPRE UNA SCOLIOSI "VERA"?

No, può essere un'atteggiamento scoliotico, oppure una scoliosi statica data dalla differenza di lunghezza degli arti inferiori

LA SCOLIOSI PUÒ ESSERE SOLO A LIVELLO LOMBARE?

No, può essere dorsale, dorso-lombare, lombare e cervico-dorsale (molto rara).

Insieme alla scoliosi il bambino può sviluppare una cifosi (la cosiddetta gobba) o una lordosi dorsale. Nelle rotazioni possiamo arrivare ad un gibbo, una situazione radicata (gobba solo da un lato della schiena, di solito dorsale).

Poi la scoliosi può essere singola o "S" (doppia curva)





SI PUÒ CURARE? COME?

La scoliosi se c’è non può essere curata, tuttavia c’è la possibilità di "ammorbidire" le curve, migliorare in alcuni casi, ma soprattutto si possono evitare peggioramenti.

Ricordiamo che nella crescita ossea possiamo subire modificazioni importanti anche ogni sei mesi e se non si interviene con un programma mirato possiamo avere grossi peggioramenti.

È fondamentale quindi una RPG (rieducazione posturale globale), ginnastica posturale e correttiva, da intraprendere nell'età giusta, quando cioè il bambino può' interiorizzarla, nella pubertà per il maschio e prima del menarca per la femmina, in quanto non deve subire l'istruzione psicomotoria, ma deve esserne il primo partecipe. A mio avviso, il fine della ginnastica correttiva, non è il solo correggere, ma educare alla correzione. La ginnastica dovrà tendere ad ammorbidire la muscolatura rigida, allungandola, e riequilibrare la muscolatura ipotonica, tramite vari esercizi specifici, ma sempre soggettivi. Prima però è importante e necessaria una diagnosi medica, con valutazioni oggettive e strumentali (rx), per calcolare la vera inclinazione e/o rotazione vertebrale, quali e quante curve ci sono.

Fare sport è poi fondamentale per tenere "allenato" globalmente il corpo, evitando alcuni sport (se avrò una deviazione laterale a destra dovrò evitare sport asimmetrici come il tennis per i destrimani). Il nuoto non risolve la scoliosi come qualcuno ha sempre pensato, ma soprattutto evitare esercizi non adatti, sia per gli scoliotici, sia per bambini in generale (carichi eccessivi, mobilità eccessive).


PLANTARI CORSETTO E INTERVENTO CHIRURGICO?

Per migliorare la postura il medico può consigliare plantari, se la scoliosi è grave il medico invece può consigliare corsetti tipo "Milwaukee" o la "Padula", anche per circa 23 ore al giorno.

Per mia esperienza e per gli studi pubblicati, è consigliabile abbinare una ginnastica rieducativa di riprogrammazione attiva, perchè l'azione ortesica produce come effetto l'ipotonia dei muscoli sui quali vengono applicate le forze di trazione elongazione e derotazione.

L'intervento si effettua in casi gravissimi, quando gli organi interni, per una grande scoliosi laterale o di rotazione, rischiano di non avere più spazio. Questa soluzione chirurgica porta a bloccare le vertebre con delle barre in titanio, "eliminando" la scoliosi, ma introducendo delle rigidità non fisiologiche.

Da terapista e chinesiologo, il mio consiglio è quello di osservare sempre nostro figlio e fare dei controlli pediatrici, soprattutto se lo vediamo crescere molto in poco tempo. Affidarsi, nel caso di ginnastica posturale, non ad allenatori o ad istruttori di ginnastica, ma a professionisti esperti in RPG. L'evoluzione in negativo di una scoliosi è la risultante di tante situazioni, interne ed esterne, e concause.

Infine, credo fortemente che ognuno di noi sia la risultante di quello che vive giornalmente, nel bene e nel male, quindi come sempre lo stile di vita influisce enormemente.